Renzi salvato dal popolo di Bersani

Matteo Renzi

Alle primarie di ieri il Pd ha perso un milione di voti rispetto al 2013 (ancora di più se si considerano i numeri delle precedenti consultazioni). Ma quasi due milioni di persone ai gazebo sono comunque un buon risultato, di sicuro sopra le aspettative. Ho visto tanti anziani in fila (è la conferma che i Democratici non riescono ad attrarre i giovani). Proprio loro, gli elettori più vecchi e più legati a logiche di appartenenza partitica e ideologica, hanno permesso a Matteo Renzi di tornare in campo (nonostante il suo annuncio di lasciare la politica se gli italiani avessero bocciato il referendum dello scorso 4 dicembre). È la legge del contrappasso: il popolo di Bersani, quello affezionato alla “ditta”, quello che vota il Pd perché lo considera ancora un partito di sinistra e che non ama internet, ha salvato l’ex premier. Forse dovrebbe rifletterci anche Renzi, prendendo atto che la sua intenzione (giusta) di trasformare il Pd in un partito moderno e adeguato alle grandi sfide di questi anni seguendo l’esperienza di Tony Blair e del suo New Labour, è fallita. Ora ha una seconda possibilità.

Annunci

Informazioni su albertodimajo

Giornalista (lavora per il quotidiano Il Tempo). Appassionato di comunicazione politica e crostate. Laureato in Filosofia, ha scritto alcuni libri su MoVimento 5 Stelle, democrazia e casta. E' cultore della materia all'università Luiss.
Questa voce è stata pubblicata in Punto di svista e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...