Grillo, Raggi e il codice etico del Pd. Parla l’avvocato del M5S

canali

L’avvocato Alessandro Canali ha seguito decine e decine di controversie che riguardano il M5S. Ha coordinato il pool di legali che s’è opposto con successo al ricorso sostenuto dal Pd che chiedeva di riconoscere l’ineleggibilità del sindaco di Roma Virginia Raggi. Ora non nasconde la sua soddisfazione e accusa chi ha tentato di usare la giustizia come un’arma politica.

Avvocato Canali, si aspettava la bocciatura del ricorso da parte del tribunale civile?
«Sì me l’aspettavo. È veramente il caso di dire che giustizia è stata fatta. È una sentenza corretta in ogni sua parte e inoppugnabile in linea di diritto».

Il ricorso ha definito il M5S e la Casaleggio Associati, che peraltro non compare nel famoso contratto firmato dai candidati, come associazioni segrete e dunque anticostituzionali.Questa sentenza fa chiarezza anche su questo?
«Certo e ha previsto la condanna alle spese del ricorrente proprio perché la chiamata in causa di Davide Casaleggio era del tutto fuori luogo. Ma onestamente non c’era bisogno di una pronuncia del tribunale per capirlo: bastava leggere il Codice del MoVimento, tra l’altro pubblicato dallo scorso aprile, per capire che la notizia era una bufala».

Ma dunque lei crede che il documento firmato dai candidati, che prevede anche una penale in caso di non rispetto delle norme previste dal MoVimento, sia regolare?
«In primo luogo il Codice non prevede alcuna penale, ma una prequantificazione economica di un possibile danno all’immagine del M5S che i candidati ad una competizione importante accettano liberamente. È una cosa ben diversa. Un danno per diffamazione può sempre essere richiesto anche senza la sottoscrizione di alcun Codice. Con la firma i candidati accettano una fascia di valore che sarà richiesta loro in caso gli stessi diffamino il M5S. Non vedo alcun vizio o alcuna irregolarità in questo».

Come pensa possa terminare, invece, la controversia che coinvolge i due eurodeputati che hanno lasciato il M5S? Dovrebbero pagare una penale di 250 mila euro ciascuno, peraltro già destinati da Grillo ai cittadini colpiti dal sisma nel centro Italia…
«L’impegno a pagare queste cosiddette “penali” è in primo luogo un impegno etico e non carta straccia come detto da alcuni. Se io mi impegno nei confronti degli elettori a rispettare queste regole e poi non le rispetto violo un obbligo morale anche se poi non potrò essere costretto al pagamento da un tribunale. Evidentemente la violazione di questi impegni andrà a pesare sulla credibilità di chi la pone in essere. Moralmente dovrebbero pagare queste somme avendo liberamente sottoscritto questo tipo di impegno al momento della candidatura».

Pensa che il ricorso presentato da un avvocato vicino al Pd sia stato usato come una clava «politica» contro la Raggi?
«Bè, questo è evidente. Una senatrice del Pd se ne è anche assunta la responsabilità e nessuno dei suoi colleghi in questi giorni ha preso le distanze da un’azione evidentemente politica e che ha tentato di utilizzare strumentalmente la Giustizia. Tentativo fallito».

Sta seguendo anche altri procedimenti che riguardano il M5S? Ne avrà di lavoro…
«Come ogni movimento politico, anche il M5S ha alcuni contenziosi correlati prevalentemente ai provvedimenti disciplinari. Solo che di noi si parla in continuazione mentre non si legge mai nulla su quelli del Pd, per esempio. Tra l’altro le dico, come abbiamo anche fatto notare nei nostri atti, che il Pd nel 2008 adottò un codice etico che prevede l’obbligo etico di dimissioni in alcuni casi. Non le pare strano che nessuno ne parli?».

Annunci

Informazioni su albertodimajo

Giornalista (lavora per il quotidiano Il Tempo). Appassionato di comunicazione politica e crostate. Laureato in Filosofia, ha scritto alcuni libri su MoVimento 5 Stelle, democrazia e casta. E' cultore della materia all'università Luiss.
Questa voce è stata pubblicata in Persone. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...