Ci salveranno le vecchie zie?

Il cortocircuito di un frigo manda in cenere un terminal dell’aeroporto di Fiumicino, getta nel caos i passeggeri e intrappola mezza Roma. L’Italicum non piace a un cittadino su due ma, alla fine, sembrano pensare gli italiani, meglio un uomo (appartentemente) forte che decide qualcosa che tanti partiti deboli che non decidono niente. Camera e Senato aboliscono i vitalizi ai condannati. Ma a metà. La scampano gli ex parlamentari condannati per abuso d’ufficio e quelli riabilitati. In questa povera Italia (dove milioni di persone continuano però ad alzarsi la mattina, ad andare a lavorare e a mandare i figli a scuola) torna la speranza che il grandissimo Leo Longanesi (purtroppo morto troppo presto negli anni Cinquanta) rilanciava in un libro vivace e originale: “Ci salveranno le vecchie zie?”. Donne come “fusti di quercia, dalle radici ben solide”, “custodi dell’ordine classico”, “fedeli gendarmi dello stato”. Solo loro possono rialzare il Paese. Speriamo che non siano state rottamate dai nipoti…

Annunci

Informazioni su albertodimajo

Giornalista (lavora per il quotidiano Il Tempo). Appassionato di comunicazione politica e crostate. Laureato in Filosofia, ha scritto alcuni libri su MoVimento 5 Stelle, democrazia e casta. E' cultore della materia all'università Luiss.
Questa voce è stata pubblicata in Punto di svista. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...