Il boomerang di Fassina

L’accusa di Stefano Fassina è stata diretta: “Matteo Renzi copia il programma del Pd”. Il responsabile Economia dei Democratici ha insistito: “Anche oggi, a proposito di occupazione femminile e asili nido, (Renzi) fa taglia-incolla delle proposte approvate dall’Assemblea Nazionale del Pd e, da ultimo, riprese nel
Documento della ConferEnza Nazionale per il Lavoro di Napoli. È
vero che lui non può saperlo perché non partecipa ma
almeno qualcuno dei suoi potrebbe dare una letta ai documenti
programmatici del partito a cui è iscritto e riconoscerci la
paternità, meglio, maternità delle “sue” proposte”. A questo punto la domanda sorge spontanea: ma il Fassina che accusa Renzi di copiare il programma del Pd è lo stesso che pochi giorni fa attaccava il sindaco di Firenze per avere un programma di destra? Delle due l’una: o Renzi è di sinistra o il Pd è di destra. A volte sarebbe meglio evitare la polemica.

Annunci

Informazioni su albertodimajo

Giornalista (lavora per il quotidiano Il Tempo). Appassionato di comunicazione politica e crostate. Laureato in Filosofia, ha scritto alcuni libri su MoVimento 5 Stelle, democrazia e casta. E' cultore della materia all'università Luiss.
Questa voce è stata pubblicata in Persone. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il boomerang di Fassina

  1. Crimson74 ha detto:

    Insomma: Renzi, del PD, viene accusato… di copiare il programma del PD. Siamo al paradosso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...