La vecchiaia è un gradino

S’invecchia all’improvviso. Un giorno come tanti. Quando meno te lo aspetti. La vecchiaia è un gradino, non è un lungo percorso, come si pensa in genere. Vedi un amico, o un parente, per giorni, per anni e non ti accorgi di nulla. Ti sembra sempre simile, se non proprio uguale, a se stesso. Poi un giorno, invece, noti che è diventato vecchio. Nello spazio di pochi minuti. Di colpo. Lo vedi e pensi: quanto è invecchiato! Non so se dipende da chi guarda o da chi è guardato. Anche se ho sempre pensato che abbia ragione Bergson quando sostiene che il tempo non è quello lineare dell’orologio ma quello della coscienza. Quello per cui ci sono minuti che sembrano giorni e settimane che sembrano istanti.

Annunci

Informazioni su albertodimajo

Giornalista (lavora per il quotidiano Il Tempo). Appassionato di comunicazione politica e crostate. Laureato in Filosofia, ha scritto alcuni libri su MoVimento 5 Stelle, democrazia e casta. E' cultore della materia all'università Luiss.
Questa voce è stata pubblicata in Teorie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La vecchiaia è un gradino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...